LA MODA E’ ETICA CON FOSCA MILANO


Il Salone del Mobile è ormai quasi arrivato e Milano è in fermento. Per il Fuori Salone Zona Tortona rappresenta una meta immancabile. E noi per la prima volta al NHOW HOTEL con Natura Donna Impresa Verso Expo 2015 saremo senza ombra di dubbio il temporary shop più spettacolare della Design Week.

Oggi vi presenterò un brand unico. Un marchio d’eccellenza del Made in Italy, che fa Moda Etica: FOSCA MILANO.  


Dalle fiber art agli abiti “pezzo unico - pezzi unici da indossare”, voce fuori dal coro, pionieristica, rivelatasi, nel breve giro di qualche anno, lungimirante, in anticipo sul presente. Questo, che apprezza, anche nella moda, il rigore e la coerenza nella scelta delle materie prime, i tessuti, esclusivamente made in Italy, e le piccole produzioni artigiane. FoscaMilano ha debuttato con micro collezioni soltanto due stagioni fa ma l'esperienza che l'ha portata alla luce è ventennale, sulle spalle di Fosca Campagnoli, anima e regia del brand che porta il suo nome. Nata in sartoria e poi allontanatasi dal solco della tradizione familiare fino al rientro, da artista, fiber artist, appunto. Colori e materiali come sintassi di una ricerca densa, ricordi d'infanzia e spessore materico, la tavola tessile che diventa supporto per la scrittura di emozioni lontane, perdute forse. Sei anni fa, l'incontro con Anna Tamborini, formazione artistica e competenze sartoriali, declinate, allo stesso modo, a scandagliare i territori della creazione d'arte. Oggi è socia nell'esperienza che, dalla tela tessile e dall'arazzo, le ha portate a creare abiti con la stessa pulizia e rigore formale per donne metropolitane, con capricciosi guizzi - variazioni cromatiche, grafismi cuciti, ironici inserti. Filiera etica per pezzi unici made in Italy - L'operazione di reperimento dei tessuti adatti su cui lavorare, raffinato assemblaggio di materiali, innesti di fantasie su tinte unite, perizia consumata nel taglio e cucito, è di autentico scouting. Fermo l'obiettivo di ri-usare, con brio, e libertà, salvandoli spesso da distruzione certa, scampoli e pezzami pregevoli per qualità e provenienza. “Oggi il mercato degli stocchisti di tessuti si rivolge soprattutto all'Est russo e ucraino, mercati che apprezzano il made in Italy. Intercettiamo campionature, prove, scarti persino, che provengono dalle più grandi case di moda e, su quella base, iniziamo a comporre le nostre variazioni”, spiega Fosca Campagnoli. Il tema è quello, pittorico, della composizione, che accorda pesi e toni, scegliendo, accostando, scartando e recuperando. Abiti come arazzi, giacche come tele su cui ridisegnare assemblaggi armonici o più squillanti. La testa e le mani di Fosca entrano dappertutto e da ogni parte escono, soddisfatte. La scelta di materiali, composizione, modello avviene coralmente. Qualche volta un colpo tanto fortunato quanto inaspettato porta in contatto con archivi di aziende fino a ieri rappresentanti storiche di consolidati distretti industriali e oggi vittime di una congiuntura che dissolve con un colpo d'ala tradizioni e patrimoni secolari. FoscaMilano è una seconda vita per materiali nobili, differenti ma tutti di origine naturale. Fibre di cotone, lino, canapa, lana, cachemire, seta, viscosa. Chi sono le anime del marchio FOSCA MILANO: Fosca Campagnoli Formazione umanistica e il recupero della tradizione familiare legata alla confezione. L'abilità artigiana nobilitata dalla creazione d'arte oggi si muove con disinvoltura dalla fiber art alla produzione di accessori tessili per la casa all'abbigliamento donna. Anna Tamborini Decoratrice, vanta anni di lavoro nella moda e nel campo del disegno tessile condotti all'insegna dell'espressione artistica e del riutilizzo di stoffe e materiali. Oggi prosegue la ricerca di colore e armonia compositiva per realizzare accessori e capi personalizzati. Beatrice Pugni Giovane designer con il pallino della creazione, fatta però con ago e filo in mano, subisce il fascino dei mondi evocati da ogni singolo frammento di stoffa e inizia, con FoscaMilano, il viaggio che saggia ogni giorno il talento progettuale e le competenze artigianali.


  J’Adore …

… bisous la Colette