#NDIstore Premio Natura Donna Impresa | Categoria Donna Anna Toscano

In occasione dell'inaugurazione dello store NDI, in Corso Magenta 12, Milano, ore 18.00,  in presenza del Presidente Commissione Cultura Comune Milano Paola Bocci, verrà elargito il Premio Natura Donna Impresa  per la prima volta espletato nel corso di EXPO2015 Palazzo Isimbardi.

Il riconoscimento nasce con l'intento di dare un prestigioso riconoscimento a Donne che hanno fatto parte della Storia del Progetto Natura Donna Impresa (nato a Milano nel 2010 per mettere in rete e creare sinergie virtuose tra Donne Creative, Imprenditrici, Critiche, Giornaliste, Designer, Artiste che in Italia portano avanti valori di Etica e Sostenibilità). Nel tempo il Premio si è ampliato PREMIANDO Donne Illustri che portano avanti Progetti Professionali Illuminati su tutto il Territorio Nazionale.

 

Premio Donna Anna Toscano

Anna Toscano, vive a Venezia, dove insegna Lingua italiana e l'Italiano per il web presso Università Ca' Foscari Venezia, collabora con altre Università italiane ed estere. Ha pubblicato raccolte poetiche, racconti, saggi; ha curato sillogi, cataloghi, antologie. Collabora con alcune testate giornalistiche con articoli e reportage di immagini. Sue fotografie sono apparse in riviste, guide turistiche, manifesti, copertine di libri, pubblicità, video musicali, mostre personali e collettive. Ha fatto l'editor per case editrici, collaborato a corsi di scrittura, lavorato come ufficio stampa. Diverse le esperienze teatrali e radiofoniche.

 

Motivazione Premio

 <<Per aver elevato il concetto stereotipato di donna e cultura al femminile. Tramite i suoi studi, il suo impegno nelle università, nelle scuole e nel sociale, ha riportato alla luce  figure femminili nel panorama intellettuale, dimenticate o poco considerate, dando la possibilità alle nuove generazioni  di confrontarsi con modelli culturali diversi, liberi e non indotti dalla massa mediatica. Tramite la sua poesia, i suoi spettacoli su Goliarda Sapienza e su altre donne della letteratura, le sue foto e i suoi articoli, Anna ha delineato non solo nuove figure di riferimento, ma ha creato scenari e prospettive “altre” di femminilità contemporanea>>